Michela Andreozzi presenta “Nove lune e mezza”

INTERVISTA

di Prisca Civitenga

Montaggio: Gianluca Olivieri

Per raccontare le donne di oggi l’attrice romana Michela Andreozzi debutta alla regia cinematografica con la commedia “Nove lune e mezza”. Maternità, famiglia, amore, libertà di scelta, tutti temi importanti ed attuali trattati con leggerezza ed ironia,  senza mai cadere nei cliché. Girl Power (o meglio Woman Power) e Sorellanza? Ma sì, ci sono anche questi aspetti nel film che gira intorno a due sorelle Tina, la stessa Andreozzi, vigilessa sposata con il collega Gianni (Lillo Petrolo) e Livia, Claudia Gerini, violoncellista rockettara che vive con l’osteopata Fabio (Giorgio Pasotti). Tina vuole disperatamente un figlio, ma non può averne, Livia di diventare mamma proprio non ne vuole sapere, ma su consiglio del ginecologo (Stefano Fresi) accetterà di portare avanti una gravidanza per la sorella, con sviluppi sorprendenti. C’è anche il vero marito di Michela Andreozzi nel film, Massimiliano Vado, ma che ruolo gli ha dato la moglie? Ce lo racconta, insieme ad altri aneddoti sul film, l’attrice-regista ospite di Dimensione Suono Due.

——–

 

 

 

Share on Facebook0Tweet about this on TwitterGoogle+0Pin on Pinterest0

Commenti