La dieta dello zenzero spiegata dagli esperti

zenzero-222

Dal sovrappeso alla pesantezza, dalla nause alle artitriti: ultimamente lo zenzero sembra essere l’antitodo ad ogni tipo di problema, ricco com’è di proprietà benefiche da sfruttare in qualsiasi situazione.

La pianta erbacea di origine orientale viene sempre più utilizzata in cucina in ogni forma, sia essa fresca o essiccata, e innumerevoli sono le ricette che propongono la spezia quale immancabile ingrediente. Gli esperti, tuttavia, dietisti e nutrizionisti, nutrono qualche perplessità sui prodigiosi benefici della cosiddetta ‘dieta dello zenzero’.

L’Adnkronos riferisce il parere del nutrizionista Pietro Migliaccio, presidente della Società italiana di scienza dell’alimentazione (Sisa), secondo il quale lo zenzero “servirebbe a variare un regime alimentare puntando su una variazione di sapori”. Riguardo al basso apporto calorico della radice, invece, l’esperto sottolinea come in realtà “si usi una così piccola quantità di questa spezia all’interno delle ricette alimentari da renderne irrilevante il consumo”.

“Lo zenzero – continua l’esperto – ha capacità antiossidanti come altri cibi, né più e né meno” e non ci sarebbero neanche particolari controindicazioni per chi volesse introdurlo all’interno della propria dieta alimentare. “L’uso dello zenzero – conclude Migliaccio – è controindicato solo nei casi di gastriti e ulcere, ma non per chi soffre di problemi cardiovascolari”.

A ridimensionare gli effetti ‘miracolosi’ di un’alimentazione ricca di zenzero è anche Michele Carruba, direttore del centro di ricerca e studio sull’obesità dell’università di Milano, che sostiene: “Non si può parlare propriamente di effetti depurativi della radice in termini medici”.

Nulla da dire su determinate proprietà benefiche della pianta, dato che la radice speziata dello zenzero, pianta erbacea delle Zingiberaceae (la stessa famiglia del Cardamomo) originaria dell’Estremo Oriente, vanta proprietà antiossidanti drenanti e analgesiche. Il problema, però, è che mancano ancora prove scientifiche che ne attestino i benefici dopo un utilizzo frequente.

In collaborazione con:

 romatoday

Share on Facebook0Tweet about this on TwitterGoogle+0Pin on Pinterest0

Commenti